Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

Amore… a pallini

In realtà avevo pensato di intitolare questo articolo “Mignotte” o qualcosa di simile, ma poi il buonsenso ha bloccato il mouse e mi ha fatto ravvedere.

No, tranquilli, non parliamo di prostitute: loro i soldi che spillano ai clienti se li guadagnano facendo le peggiori cose ai più orrendi schifosi/grassoni/puzzoni, poverine, andrebbero aiutate ad uscirne anziché multate e rimandate in strada.

Parlo di alcune ragazze che “allegramente” gestiscono i tiro a segno delle varie fiere paesane (non voglio incriminare la categoria, anzi voglio difendere quelle oneste e non truffaldine); Striscia potrebbe farci un servizio come fece per le corse quadruplicate dei taxi.

La tecnica è sempre quella: ragazza giovane, carina, max 28 anni, fisico atletico e sorriso a 40 denti. “Dai, vuoi provare? Così puoi puntare al peluche grande”.

Una volta al banco vedi 15 cent al tiro; pensi “Vabbè, spenderò al massimo 15/20 euro” e intanto inizi a scaldarti tirando giù le lattine (ormai sfondate dai colpi precedenti), pensando: “Più ne tiro giù e più grosso sarà il premio”.

In realtà all’allegra fanciulla in short pants non gliene frega un benemerito ciufolo di quante lattine colpisci (potresti anche centrare una mosca da 80 metri, per quanto le importa), a lei basta darti un altro caricatore “così vinci il peluche grosso”.
Oh sì, il peluche grosso l’ho vinto (un Bart originale di 76 cm) ma l’ho anche pagato 30/40 euro; praticamente quasi come se fossi andato in negozio.

E così, mentre uno dei miei amici mi stordiva la testa con i suoi consigli e con la sua esperienza di tiro a segno (tirarla fuori prima tutta questa lingua no, eh?) penso se le vere mignotte (uso il termine romano in quanto mi sembra più soft dell’altro, che tral’altro indica anche la maternità di certe persone) siano quelle sul marciapiede o quelle dietro a questi baracchini.

Le prime devono fare le peggiori cose, le altre ti rimbambiscono e se ne escono con cifre assurde (manco si fosse spogliata, dico io): l’unica cosa che posso dire è “pazienza, un peluche in più da vendere su eBay” (il link vi porta direttamente all’oggetto della vincita, nel caso qualcuno di voi decidesse di offrire qualcosa 😉 : a differenza della ragazza io accetto anche proposte d’acquisto e ve lo spedisco in 3 giorni con corriere SDA).

Le questioni di soldi non mi scandalizzano (1 i debiti di gioco vanno sempre pagati 2 ha la legge dalla sua parte 3 è stata una mia scelta) ma mi inducono a riflettere: lei a fine giornata deve pur mangiare, ok, ma perché questo amico parla o troppo presto o troppo tardi? Ci è o ci fa?

Non dico che non avrei giocato ma almeno avrei saputo come regolarmi per evitare la maxi sberla, tutto qui.

Ma si vede che il buonsenso e la prontezza non sono esami contemplati a Giurisprudenza.

Marco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: