Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

Domani niente scuola

 

É il titolo di un libro scritto da Andrea Bajani che mi riprometto di leggere, una volta finito l’attuale Un giorno in più di Fabio Volo (veramente ben scritto, ho letto le prime 50 pagine tutte d’un fiato). Buona lettura!

Ho sentito parlare di questo libro alla trasmissione televisiva Tatami condotta da Camila Raznovich: tema della puntata le riforme della Gelmini sulla scuola. Io fino ad allora conoscevo un Gelmini che insegnava musica nel mio paese e dirigeva la banda, vi dirò, mi stava anche simpatico.

La ministra un po’ meno. I suoi metodi e le sue parole mi ricordano una scuola basata sull’autoritarismo sorretto dal pugno di ferro in cui credo poco, ritorno dei grembiulini (ridicolo) e voto in condotta (questo lo posso anche condividere) mi hanno lasciato tra il perplesso e l’incuriosito.

Alla trasmissione hanno partecipato 2 ragazzi contrari (di cui uno con i rasta, tanto per dire il clima allegro della serata), uno a favore (povero cristo), Bajani e un maestro di strada (che si preoccupa che i bambini di Napoli imparino l’aritmetica e a scrivere storie fantastiche anziché vender sigarette al porto).

Gelmini si è trovata in difficoltà e molti ragazzi si sono lamentati delle strutture ottocentesche della loro scuola, con sgabuzzini adattati a bagni, aule insufficienti, mancanza di mezzi (mi ricordo ancora la lavagna nera con il gesso polveroso che ti faceva diventare l’omino Michelin: se penso alle lavagne bianche a pennarelli neri dell’università mi commuovo quasi) e via elencando.

Qualunque cosa stia facendo la Gelmini spero che sappia bene come gestirla: ai miei tempi c’era la Moratti e mi ricordo gli effetti catastrofici, chissà se ci aspetta un bis o un miglioramento.

Alcuni miei amici mi hanno raccontato dei recenti “esami di riparazione“, quelli che se non passi devi rifarti un anno intero: prima te lo danno (così per un’estate patisci come un cane bagnato) e poi a settembre ti aiutano, magari spingendoti verso la risposta giusta.

Vorrei vedere chi, per mezzo voto al fatidico 6, farebbe ripetere un anno intero ad un ragazzo: minimo la notte dovrebbe svegliarsi con gli incubi.

Marco

Commenti su: "Domani niente scuola" (3)

  1. Daniele ha detto:

    E perché mai? La scuola italiana HA bisogno di severità, mezzo voto sotto il 6 significa che tu non conosci quella materia in modo sufficiente, e se passassi alla classe successiva (come spesso succede) non saresti in grado di capire i NUOVI concetti.

    È molto semplice, PRIMA le fondamenta, POI la casa, se le fondamenta non reggono, la casa è destinata a crollare.

    Più bocciature per tutti.

  2. Credo anche io che la scuola italiana sia troppo buonista, troppi furboni sono riusciti ad arrivare al diploma e poi si ritrovano all’università senza conoscenze minime per sopravviverci (e nel mio corso ce n’erano, pochi casi disperati ma ci sono…) … ora non dico che tutti i 5 siano meritati (a volte i prof sanno essere cattivelli o cominciano a prendersela su un unico studente), ma la maggior parte sì e queste persone devono fare qualcosa per migliorare o comunque per raggiungere il livello dei compagni… una delle poche cose su cui sono d’accordo, sono gli esami di riparazione se fatti in modo intelligente!!

  3. cobain86 ha detto:

    @Daniele:
    Per la mia prof d’informatica dovevo prendere il debito in 4^ perchè senza il Visual Basic non avrei superato la maturità.
    Ho totalizzato 14 punti su 15, senza copiare (credo che molti conoscano la severità di quell’esame): risultato migliore di due corsi ragionieri/programmatori.
    Credo che il commento si faccia da solo, anche se condivido alcuni punti di Lary.

    Grazie a tutti Marco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: