Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

Archivio per la categoria ‘Amore’

Tutta la vita davanti

vita_davanti_posta

Uno dei film migliori di Virzì: girato nel 2008, attuale ancora oggi. Entriamo nel mondo dei call center truffatori: buona lettura!

(altro…)

Del perduto amore – Le origini

Amore_2 cuori

Amore_2 cuori

Visto il successo del primo articolo Del perduto amore, oggi pubblico una lettera inedita, sempre riferita alla ragazza del primo articolo, quando il suo pensiero mi toglieva il respiro e il suo sguardo mi spogliava dentro. Buona lettura.

(altro…)

Ricatto… del biglietto

Ricatto... d'amore

Ricatto… d’amore

A volte mi chiedo come possa ancora riporre fiducia in film dove propongono il matrimonio come tema portante.
L’ultimo film “sposalizio” che mi ha fatto ridere è stato Una notte da leoni (per le trovate assurde, se non altro): eppure, vedendo quella gran figlia della Bullock, ho deciso di spingere il pollice sulla sua immagine e di noleggiare il DVD. Ecco com’è andata: buona lettura!

(altro…)

Il fiore e il bastone

Il fiore e il bastone_Shot by Cobain86Il fiore il bastone, ovvero la 16enne che viene attratta dal 30enne. Sbocchi possibili? Approvazione sociale? Vediamolo insieme, buona lettura!

(altro…)

Scrivere

macchina da scrivere typewriter

Scrivere per molti è un puro atto per ricordare: scrivo perchè verba volant ma scripta manent.

Da piccolo qualcuno (non so se i miei genitori o mia nonna) mi regalarono una macchina da scrivere meccanica per bambini.
Scrivere era un’impresa epica: oltre a non avere un nastro per correggere gli errori i tasti erano duri come ammortizzatori mal regolati, la molla bisognava affondarla a colpi di martello per poter incidere il carattere sul foglio.

Inoltre il risultato sembrava una di quelle lettere che i malavitosi mandano per ottenere il riscatto, al fine di non farsi riconoscere: sfido che siano rimaste poche lettere di quel periodo.

(altro…)

Del perduto amore

Del perduto amore

L’amore perduto, quello che ci faceva battere il cuore, che ci teneva svegli la notte, che ci infiammava e spegneva come piccoli incendi… Da un po’ di tempo non provo più questa emozione: storielle banali, ragazze leggere come i loro nomi che, per omologarsi, perdono la loro identità e anche il mio interesse. Ma quando rivedi l’amore vero? Buona lettura!

(altro…)