Una tastiera come tavolozza, la fantasia come tela

Articoli con tag ‘Crash Test’

Nokia 7310 sotto torchio

nokia-7310-supernova-wasabi-green-maxbhi-3-3-1

Un modello di successo per Nokia: il 7310 SuperNova. Buona lettura!

(altro…)

Google Chrome Crash Test

Tranquilli, non scriverò un articolo di questo genere; se fanno addormentare me non vedo perchè dover far abbioccare tutti i miei (pochi) lettori del blog.

Cambia/migliora il concetto grafico di browser: in alto scompaiono tutte le scritte e abbiamo direttamente le schede e barra degli indirizzi (con un look generale che strizza l’occhiolino a Vista). Allo stesso piano della barra pochi tasti essenziali (avanti/indietro, aggiorna/stop, stellina preferiti per aggiungere il sito corrente, paginetta per le varie opzioni (tra cui la top secret navigazione in incognito) e chiave inglese per le impostazioni varie (download/cronologia e via dicendo).

Non vengono aperte nuove finestre ma schede (così abbiamo tutto sott’occhio): e questo non solo per i siti ma anche per le impostazioni del browser, così non si paralizza tutta la nostra attività per cambiare, ad esempio, l’indirizzo della pagina iniziale.

Le caselle di testo sono ridimensionabili come in Safari, battendolo per velocità: grazie ad una migliore ottimizzazione dei processi, anche con più schede aperte, il nostro PC non strippa dando i numeri. Chrome utilizza lo stesso criterio del sistema operativo per la gestione delle schede: un po’ per tutti non fa male a nessuno (e così carica un po’ tutte le schede, evitando, come spesso succede, che una abbia già finito e l’altra sia ancora al 10% in attesa del restante 90).

Anche davanti al test dei due siti ciuccia-banda (Alice e Libero contemporaneamente), nonostante un programma di file sharing aperto, sono riuscito a vedere la posta in meno di 10 minuti: record!

Non solo: assegna da solo anche le diverse priorità alle varie schede (animazioni in flash/java hanno un bisogno maggiore rispetto alla pagina di un blog puramente testuale) e ha la ricerca di Google nel sangue (perfino quando scriviamo nella barra degli indirizzi).

La fluidità generale e l’intuitività del browser ci fanno quasi scordare di lavorare in Windows (e ne serve, credetemi), molto divertente il linguaggio colorito usato (Impostazioni base, piccoli ritocchi, Roba da smanettoni per le Opzioni): unico neo non è compatibile con l’opzione “Modifica inserzioni” di eBay.

Firefox ci mostra il visuale dell’HTML, Safari (come anche Chrome, ahimè) danno forfait e ci presentano l’HTML nudo e crudo. Il buono è che possiamo segnalare questo bug ai produttori (cerchiamo di farlo in tanti, però 😉 ).

Non utilizzatelo se scrivete un blog: nel contratto di licenza Google si accaparra i diritti su ciò che postate/pubblicate tramite il suo browser. Ciupa!

Ok ragazzi, per scrivere qui userò ancora Firefox 😉 ma per il resto è un ottimo browser. Provatelo.

Marco